«Il Comune deve decidere il futuro dell’ex colonia Vittorio Emanuele»

«Ho chiesto da tempo la convocazione della commissione patrimonio per discutere sul futuro della ex Colonia Vittorio Emanuele di Ostia ma la risposta tarda ad arrivare». Lo sostiene Davide Bordoni, consigliere comunale di Fi. «È stato richiesto un consiglio municipale straordinario da parte delle forze di opposizione per capire che cosa il Comune intenda fare della ex Colonia che da troppo tempo vive in uno stato di abbandono e degrado - spiega -. Siamo contrari alla presenza di una moschea, che è già stata autorizzata dall’amministrazione, per diversi motivi. Tra questi, oltre alla conseguenza di rendere l’edificio e tutta l’area circostante un punto sensibile, il fatto che nello stabile risiede una chiesa non sconsacrata e per giunta occupata da un centro sociale. Questa decisione sottolinea una ulteriore mancanza di rispetto nei confronti della nostra tradizione e della nostra cultura religiosa». Bordoni chiede di sapere qual è il destino che l’amministrazione comunale pensa di dare alla ex colonia e quali sono le scelte che intende adottare. «Se si deciderà di lavorare ad un progetto unitario che preveda un polo culturale e sociale condiviso con la città , potremo essere favorevoli ad analizzarne gli aspetti ed i contenuti - conclude Bordoni -. Altrimenti se, come già accaduto precedentemente, dovremo assistere alle solite scelte che andranno a favorire i soliti noti, ci attiveremo al fine di vedere rispettate le effettive esigenze del territorio e dei cittadini».