«Il Comune lasci pedalare i ciclisti nelle corsie dei bus»

Al parlamentino Centro-Est la maggioranza solidale con i residenti nel respingere l’ipotesi di un tempio islamico al posto del mercato del pesce

No alle moto, sì alle bici. Mentre la giunta comunale ha interdetto in via definitiva il passaggio delle due ruote a motore sulle corsie gialle, dalla minoranza di centrosinistra (stesso schieramento del sindaco Marta Vincenzi) del Municipio Centro Est arriva la provocazione: autorizzare il transito delle biciclette sulle corsie dei bus. La proposta è contenuta nella mozione del consigliere dei Verdi, Vincenzo Lagomarsino. Nelle intenzioni, prevede il trasporto delle bici sui mezzi pubblici, le rastrelliere in diversi punti della città, e «incentivi economici per la rottamazione delle moto a vantaggio delle biciclette e dei mezzi misti a motore elettrico e pedali», spiega Lagomarsino, fruitore abituale del mezzo a pedali. Alessandra Di Mattia (Fi) non ci sta mentre secondo Luciano Gandini (Fi) «si tratta di una proposta in netto contrasto con la politica del Comune che sta vessando i motociclisti». «La bicicletta in città è pericolosa se non ci sono corsie riservate», mette in guardia il presidente del Municipio, Aldo Siri, che propone (e il consiglio approva)una pista ciclabile al Porto Antico e da lì in tutto il centro storico. Un primo passo, tanto più, interviene l'assessore Roberta Bergamaschi, che esiste un progetto (che dovrebbe partire a fine ottobre) di «bike sharing» che prevede la realizzazione di tre rastrelliere a Principe, al Porto Antico e a De Ferrari. \