Comune Mancano 160 milioni di euro:

Meno 160 milioni di euro. È con questa cifra che dovranno fare i conti a Palazzo Marino. Ieri la giunta ha approvato le linee guida per il bilancio di previsione del 2009. Quasi la metà degli introiti, però, deriva da mancate entrate statali: l’abolizione dell’Ici sulla prima casa e dell’Irpef e il taglio richiesto dal governo ai costi della politica ammontano a 74 milioni di euro. Cui vanno aggiunte le ricadute della crisi Alitalia e del nuovo piano Cai «che per noi - ha sottolineato il sindaco - significano minori dividendi e quindi una perdita di entrate per 35 milioni di euro. A fronte di questa manovra che prevede minori entrate noi rispondiamo con la linea dell’efficientamento e della razionalizzazione». Come si recupereranno i 37 milioni di euro di tagli agli assessorati? Caccia agli sponsor e forse aumenti delle tariffe. In pole position ci sono l’acqua e gli ingressi ai musei.