In Comune musica anticancro

Giuseppe Mannino*

Un concerto per sconfiggere il tumore al seno, un male in continuo aumento che soprattutto oggi si può combattere con la diagnosi precoce.
Non a caso il 2006 è l’anno dedicato alla prevenzione contro il cancro al seno, tema che come Presidenza del Consiglio del Comune di Roma abbiamo scelto per l’ultimo concerto augurale dell’attuale consigliatura, che si terrà domani pomeriggio alle 18 in Campidoglio, nella splendida cornice dell’Aula Giulio Cesare.
L’obiettivo è quello di sensibilizzare quante più persone alla speranza e alla fiducia nei progressi della scienza, grazie anche al messaggio trasmesso dai «Soffi di musica sulle sponde dell’anima», titolo dell’evento.
È dovere delle Istituzioni promuovere ogni iniziativa sociale volta alla prevenzione per il bene della cittadinanza. L’appuntamento, che sarà seguito anche dai miei colleghi Monica Cirinnà, Fabio Schiuma e Fabio De Lilllo, è basato sulla forza e sul linguaggio della musica, in nome della pace fra i popoli e della salute e offre uno spaccato popolare delle più importanti pagine scritte e musicate per la Natività, aprendo al contempo spazi augurali al nuovo anno. La voce di Antonella D’Agostino con i cameristi del Teatro San Carlo e gli altri validi musicisti toccheranno direttamente l’anima dei presenti.
Sarà anche l’occasione per seguire, prima del concerto, la breve introduzione sulla prevenzione per la lotta ai tumori del seno a cura del professor Giuseppe D’Aiuto, primario di senologia all’Ospedale «Fondazione Pascale» di Napoli e fondatore dell’Associazione per la Lotta ai Tumori del Seno, organizzatrice dell’evento.
Il coordinamento musicale è del Maestro Roberto De Simone, con musiche di Corelli, De Simone, Sant’Alfonso Maria De’ Liguori, Violeta Parra, Vinci, Piazzola, Respighi, Berlin, De Curtis.
Musiche diverse tra loro unite da un unico comune denominatore: alimentare «Soffi di musica sulle sponde dell’anima» per un mondo più sano e più solidale.
*Presidente del Consiglio comunale di Roma