Il Comune: no al patrocinio

Niente patrocinio al corteo che sfilerà per le strade il 4 giugno, ma l’impegno a valutare l’eventuale finanziamento di iniziative culturali legate al Gay pride. La giunta di Palazzo Marino si divide (quattro favorevoli, dieci contrari e un astenuto), ma alla fine decide di non accogliere la proposta dell’assessore ai Servizi sociali, Tiziana Maiolo. Contrario anche il sindaco Albertini. «Milano è una città accogliente per i gay» ma il patrocinio è un’altra cosa. «Avrei preferito l’approvazione dell’intero patrocinio - commenta Tiziana Maiolo -, ma considero di aver raggiunto comunque un ottimo risultato. Io ho insistito per riconoscere anche il corteo».