Il Comune offre agli sfollati lo stabile di piazzale Dateo

Tredici alloggi dalla Regione. I sindacati: «Da controllare 600mila edifici»

Sulla questione casa, la Regione Lombardia ha confermato, assieme ad Aler Milano, la disponibilità di tredici appartamenti da destinare alle famiglie colpite dalla tragedia. Gli alloggi, che sono riservati a emergenze del genere, si trovano in prevalenza nella zona di via Lomellina (via Lulli, da Cortona, Comacchio, Panigarola, dei Cinquecento, Giambellino e Odazio) e sono arredati e abitabili. Sei di questi sono già stati asseganti; lo stesso avverrà a breve con gli altri sette. «Offrire un tetto a chi è rimasto senza - ha precisato l’assessore alla Casa Mario Scotti - è il primo modo per dimostrare vicinanza e attenzione a queste famiglie». Per chiunque voglia contribuire con un gesto di solidarietà è sempre attivo il conto corrente per la raccolta fondi: c.c. 6152661134/08 ABI 3069 CAB 1783, presso Banca Intesa - tesoreria del Comune di Milano - via Silvio Pellico, filiale 2003, indicando nella causale: «A favore delle vittime di via Lomellina».
\