Il Comune ora «blinda» anche i parchi

Impegnati 15 nuclei di forze dell’ordine contro bivacchi, risse e venditori abusivi

Eventi nel verde e un presidio costante delle forze dell’ordine. Il Comune «blinda» i parchi per l’estate e annuncia un piano contro degrado e cattive frequentazioni. Ad annunciarlo ieri il vicesindaco Riccardo De Corato e l’assessore all’Arredo, Decoro urbano e Verde Maurizio Cadeo alla vigilia della terza tappa della manifestazione «Parco in... Comune», in programma al Parco Teramo-Barona. Dopo parco Trenno e Lambro che hanno registrato un record di affluenze superando i 40mila visitatori, oggi e domani quello della Barona si trasformerà in un palcoscenico a cielo aperto, offrendo fino a notte tarda un fitto calendario di iniziative gratuite, dai concerti live agli happy hour musicali, dalle esibizioni sportive ai laboratori creativi. Un programma di eventi organizzato in occasione della Notte bianca dello sport per garantire divertimento sicuro. «Nel verde - spiega De Corato - in aree particolarmente utilizzate dalle fasce deboli, come gli anziani e i bambini che noi dobbiamo proteggere dai malintenzionati». E, spiega, recintare è molto costoso e non sempre è il modo migliore per affrontare il problema della sicurezza. Più importante, assicura, è la partecipazione. «Per questo - gli fa eco Cadeo - gli eventi organizzati dal Comune insieme agli abitanti dei diversi quartieri che andiamo ad animare, offrono weekend di svago nel verde per tutta la famiglia, alla scoperta delle bellezze naturali della nostra città. Il verde, già di per sé una risorsa importante, acquista maggiore valore con la presenza dei cittadini e dei turisti». Eventi, dunque, come un «presidio per garantire luoghi e spazi aperti sicuri e accessibili a tutti». A cui parteciperanno associazioni, comitati, cittadini e forze dell’ordine. Anche con pattuglie a cavallo. «Sono già 339 le aree verdi controllate dai 258 vigili in un mese e mezzo – fa di conto De Corato -. Solo un primo bilancio dell’operazione Verde sicuro che è partita il 15 aprile e che ha portato a 333 allontanamenti di extracomunitari dai parchi cittadini, 59 contesti per violazioni ai regolamenti, 15 denunce e 10 sequestri. Un esito positivo realizzato anche grazie al supporto di 15 contingenti delle forze dell’ordine. Che, lo ricordo, possono svolgere servizi straordinari anche grazie ai 2 milioni di euro stanziati dal Comune per il fondo sicurezza che serve anche a pagare gli straordinari». Ogni anno, con l’arrivo dell’estate, la polizia municipale intensifica la presenza nei parchi per evitare degrado, vandalismi, commercio abusivo, mancato rispetto delle regole e risse più frequenti nei mesi estivi a causa della massiccia frequentazione, in particolare di extracomunitari, delle principali aree verdi della città. L’estate scorsa i vigili hanno controllato, in 5 mesi, 334 parchi con 243 allontanamenti di stranieri, 5 arresti (per l’aggressione ai vigili del Cassinis), 15 denunce, 260 contesti per violazioni, 110 sequestri, 24 fermi di veicoli e 32 documenti ritirati.