Il Comune promette ai pensionati più orti e giardini da adottare

Sono 434 i giardini affidati alle cure dei milanesi appassionati di giardinaggio, soprattutto anziani che ne approfittano per trascorrere la giornata all'aperto. L'assessore Mascaretti: «Presto daremo nuovi spazi offerti dai privati per rendere più verdi le periferie».

Più orti e giardini da adottare in periferia. É la promessa dell'assessore al Decentramento del Comune di Milano Andrea Mascaretti, che ha definito un «grande successo» i 434 orti che i consigli di zona affidano in concessione ai cittadini milanesi appassionati di giardinaggio. Una cura del verde appresa anche ai corsi gratuiti organizzati presso alcuni Centri di aggregazione multifunzionale.
«Gestire un orto - sostiene Mascaretti - è un'attività appassionante che nella nostra città impegna tanti pensionati, dando loro la possibilità di svolgere una salutare attività fisica all'aperto». Pensando a coloro che hanno il pollice verde, che non possiedono un giardino e neppure un balcone che possa ospitare qualche vaso da fiori da curare con amore, «stiamo pensando - anticipa l'assessore - di aumentare il numero di spazi da dedicare a queste attività».
Da qui la volontà del Comune di coinvolgere da una parte gli enti e le istituzioni proprietarie di aree verdi e, dall'altra gli appassionati di giardinaggio, pensionati, associazioni e disabili, che abbiamo tempo da dedicare alla cura del verde. «L'idea - ha spiegato l'assessore - è quella di realizzare dei corsi, con tanto di esercitazioni pratiche, con l'obiettivo di realizzare e mantenere piccoli giardini e aiuole nelle aree verdi messe a disposizione da privati, in quelle pubbliche e negli appezzamenti che sarà possibile destinare a questo scopo. Così otterremo il duplice risultato di offrire un'opportunità di svago agli appassionati di giardinaggio e dall'altro, renderemo più verdi e belle le nostre periferie».