Il Comune promette più agenti sulle strade. E col manganello

Non esclude la dotazione del manganello per la polizia municipale l’assessore comunale alla sicurezza Francesco Scidone che ieri ha presentato il piano di rioganizzazione del Corpo. «Tra il nulla e la pistola c’è di mezzo l’oceano - ha detto Scidone - credo che le dotazioni cambieranno visto che oggi un vigile aggredito può solo scappare. Il manganello è uno strumento di difesa, ma sono allo studio anche altre dotazioni». L’assessore ha anche detto che il nuovo presidio della polizia di Stato già annunciato a palazzo Ducale, lato piazza Matteotti, sarà attivo da gennaio visto che nel locale dato dal Comune alla Questura a un affitto molto ridotto sono in corso lavori di ristrutturazione. Nel piano di interventi anche controlli verso: parcheggi abusivi e in seconda fila, guida in stato di ebbrezza e utilizzo improprio di contrassegni per portatori di handicap. «Grazie a uno stanziamento dell’assessorato alla città sicura di 50 mila euro sino alla fine dell’anno e altri fondi per l’anno prossimo abbiamo varato un’impostazione diversa di fare servizio - ha detto Scidone - spingeremo al massimo il controllo su sicurezza e vivibilità». Tre le modalità: due pattuglie diurne e a piedi controlleranno dalle 11 alle 19, dal martedì al sabato, i vicoli e la direttrice da piazza Raibetta a piazza Matteotti sanzionando i parcheggi abusivi specie davanti alla cattedrale; presidi notturni su otto postazioni cittadine e con almeno 50 agenti faranno controlli notturni dalle 24 alle 4 al venerdì o al sabato alla caccia di chi guida in stato di ebbrezza (dall’inizio dell’anno 329 persone sono state denunciate per questo motivo, alcuni al limite del coma etilico). Infine verranno incrementati i servizi diurni sulla sicurezza stradale in tutte le strade cittadine di maggior percorrenza alla caccia di chi parcheggia in seconda fila, una delle cause degli incidenti: «dal primo gennaio a oggi 83 persone sono state ricoverate in prognosi riservata, 14 sono decedute e 3.440 si sono ferite in incidenti in città - ha spiegato Mangiardi - numeri intollerabili».