Il Comune promette: «Sbloccheremo i quattro palazzi fantasma»

Un tesoretto da 30 milioni . Più o meno, l’incasso che Palazzo Marino ha previsto con l’introduzione dell’Irpef. A tanto ammonterebbe, come denunciato nei giorni scorsi dal Giornale, la vendita di 4 palazzi comunali bloccata (in un caso da almeno 12 anni) dai ricorsi al Tar del Sicet, il sindacato degli inquilini. Gli indirizzi: via Cicco Simonetta 15, corso XXII Marzo al civico 22 e al 30, via Cesariano 11 dove ci sono 45 alloggi pronti a due passi dall’Arena. «Garantisco che sbloccheremo la situazione, nel caso di via Cicco Simonetta è addirittura scandalosa - assicura l’assessore alla Casa Lucia Castellano -. É una situazione che abbiamo ereditato e che risolveremo, in un senso o nell’altro». Ossia: a settembre sarà valutato caso per caso a che punto è la battaglia legale e se il sindacato degli inquilini ha ragione a chiedere che gli alloggi siano destinati ad housing sociale. «Sarebbe interesse del Comune - ammette l’assessore - valorizzare questi beni, fare cassa per realizzare edilizia residenziale in altre zone, ma vedremo lo stato dell’arte. Di sicuro non lasceremo la situazione in questo stallo. Abbiamo già sbloccato i piani “Abitare 1 e 2“ per realizzare nuovi palazzi in housing sociale e a breve consegneremo gli alloggi pronti in via Gonin».