COMUNE SORDO? LA REGIONE NO

Caro Lussana, il Giornale del 27 maggio u.s., in un articolo a firma Erika Falone, parla della preoccupazione degli abitanti di via Pastonchi per la costruzione di un parcheggio in una collina che anni fa aveva minacciato con una frana i palazzi sottostanti.
In particolare dice l’articolo: «Presa dallo sconforto una inquilina del civico 18 ha scritto, nell’ordine a Marta Vincenzi, sindaco di Genova, Claudio Burlando, presidente della Regione Liguria e Giorgio Napolitano, presidente della Repubblica. Dagli altri, quelli “vicini al cittadino” nessuna risposta».
Il Giornale ha riportato, di certo inconsapevolmente, una notizia non esatta. Infatti io ho risposto a una abitante in data 5 maggio con questa lettera: «Cara signora Catia, rispondo alla sua lettera del 21/3 e lo faccio - di proposito - dopo le elezioni politiche, perché non mi piace mai confondere problemi amministrativi con le scelte politico-elettorali.Io non so se la Regione Liguria abbia qualche ruolo nella vicenda da Lei segnalata, ma - anche come Quezzino - me ne occupo volentieri. La mia segreteria è a sua disposizione e credo ci siano utili anche maggiori informazioni.Ci sentiamo presto».
Inoltre, il 20 maggio scorso, i miei uffici hanno incontrato il Comitato di via Pastonchi (strada che conosco bene perché fa parte del quartiere di Quezzi) condividendone le preoccupazioni.
La ringrazio per quella che possiamo considerare una comune attenzione ai problemi sollevati dai cittadini liguri. Cordiali saluti.
*Presidente della Regione Liguria

Caro presidente, speriamo di risolvere insieme anche questo problema. Sugli interessi dei cittadini stiamo dalla stessa parte.\