Comune: telefoni in tilt, pioggia di proteste

Rubrica non aggiornata, i cittadini non trovano i servizi

Gioia Locati

Centralini impazziti, dalle 8 alle 19. Cercate uno dei 18mila dipendenti del Comune? Ahi, ahi, ahi. Non basterà appoggiare il cordless in viva voce e preparare il caffè ascoltando il jingle. Questa volta non è una questione di tempi di attesa. Ma di numeri che non corrispondono, di persone che non si trovano, di «disorganizzazione» per dirla secondo la Rdb Cub, il sindacato che ha sporto denuncia. I 14 operatori e i 3 responsabili che si alternano su tre turni, al centralino di via Larga, sono quotidianamente sommersi da insulti. Dei cittadini furibondi che non riescono a rintracciare quel dirigente, quell’assessorato o quel servizio perché questi non rispondono più a quell’interno: sono in altro ufficio, in pensione o addirittura morti. «Non ci comunicano le informazioni base» si lamentano le operatrici che hanno tentato un fai da te consultando il sito del Comune, con scarsi risultati. «Un’impresa impossibile, sia per il tempo materiale e i passaggi per ogni ricerca, sia perché il portale è stato pensato per altri scopi» ha denunciato Daniela Cavallotti. Che spiega: «Da cinque anni il servizio aggiornamento rubrica è affidato alla Telecom. L’azienda modifica i dati che gli vengono forniti dai dirigenti di settore e, a loro volta, i dirigenti del settore dovrebbero ricevere la variazione dalla direzione dei lavoratori interessati. Una trafila che non è quasi mai rispettata correttamente». Ecco perché i numeri non corrispondono e le persone non si trovano. «Abbiamo scritto al settore Risorse umane e al direttore delle Telecomunicazioni». Ah, c’è un direttore delle Telecomunicazioni.