Comune, trovati i fondi per rifare piazze e illuminare la Centrale

Dopo cinque sedute, ieri sera il consiglio comunale ha approvato (32 i voti favorevoli della maggioranza, 14 i no del centrosinistra), la delibera sul bilancio di assestamento 2006. Un provvedimento che ridistribuisce l’avanzo di amministrazione generato con il consuntivo del 2005. Alla fine per i cittadini milanesi una cifra pari a oltre 7 milioni e 300mila euro per la parte di spesa corrente e di quasi 88 milioni per quella in conto capitale. Soldi, dunque, risparmiati e da reinvestire immediatamente nei settori che più ne hanno bisogno.
«In particolare - ha spiegato il vicesindaco Riccardo De Corato - partiranno entro la prossima estate alcuni importanti lavori che la città aspettava da tempo». Tra questi la riqualificazione di piazza Gambara (6 milioni e 720mila euro), di piazza Santa Maria delle Grazie (un milione e 300mila euro) e gli interventi di manutenzione straordinaria nel quartiere Domus Teramo (quasi 8 milioni di euro). «Inoltre - ha aggiunto il vicesindaco - la delibera stanzia fondi per la ristrutturazione della pista di atletica dell’Arena civica (un milione e 80mila euro), per la realizzazione di un centro residenziale per i disabili in piazza Turr (un milione 247mila euro), per la ristrutturazione degli impianti meccanici dell’edificio monumentale e il completamento della messa a norma degli impianti elettrici del museo della Scienza e della Tecnica (5 milioni), per la costruzione di un edificio polifunzionale da adibire a mercato comunale in piazza Ferrara e per la costruzione di una residenza universitaria (2 milioni)».
Sono previsti poi significativi stanziamenti per la sicurezza, tra cui 400mila euro per il potenziamento degli impianti di illuminazione della stazione Centrale, interventi già avviato e tutt’ora in corso. Inoltre entro i prossimi sei mesi partirà il bando di concorso per assegnare contributi pari a un milione e 800mila euro a seicento imprese per la realizzazione di impianti di video-sorveglianza all’interno dei negozi per scoraggiare furti e rapine. Altri 500mila euro serviranno per installare impianti satellitari sui taxi.
In spesa corrente, invece, le risorse stanziate andranno principalmente per le politiche sociali, per la casa e per i servizi ai minori e ai giovani.