Comunicazione, TuttoFood una storia di successo

I "segreti" della promozione del salone dell'agroalimentare di Fiera Milano, divenuto in pochi anno uno dei più importanti d'Europa, materia di studio per i giovani studenti del Master in Corporate Communication dell’Università Cattolica di Milano

Come comunicare un nuovo prodotto fieristico per posizionarlo al meglio sul mercato? E’ questo uno dei temi su cui hanno dovuto recentemente confrontarsi i giovani studenti provenienti da ogni parte del mondo iscritti al Master in Corporate Communication dell’Università Cattolica di Milano diretto dalla professoressa Maria Zoia.

Uno dei moduli, Communication, Planning and Measurement, si è svolto infatti con la Direzione Comunicazione di Fiera Milano Spa impegnata per quattro lezioni nella didattica sulla promozione di una nuova manifestazione. Accanto al quadro generale sugli strumenti e le strategie di comunicazione istituzionale di Fiera, è stato presentato un caso concreto, per simulare insieme agli studenti ogni fase del processo.

La scelta è caduta su TuttoFood, biennale internazionale per operatori dedicata al settore agroalimentare organizzata direttamente da Fiera Milano, che in dieci anni dalla sua prima edizione, nel 2007, ha visto crescere le sue aree e la sua reputazione, fino a farla rientrare tra le prime in Europa, davanti a grandi realtà italiane da tempo presenti sul mercato.

Evoluzione in cui la comunicazione è stata una risorsa strategica fin dagli esordi della manifestazione. Prima, per lanciare il progetto a livello istituzionale, diversificandone i contenuti dalla proposta di eventi nazionali già noti e determinati a non avere concorrenti. Poi per proporlo agli operatori in Italia e all’estero, puntando sulla sua completezza e internazionalità, fino al successo della scorsa edizione, nel 2015, e già in vista dell’appuntamento dell’anno prossimo. Tutto in un momento di forte evoluzione per le strategie di comunicazione, con i social network e i nuovi media on-line che negli ultimi anni hanno cambiato i linguaggi e i tempi del messaggio, anche per la promozione di una realtà complessa come una manifestazione fieristica di settore.

Le quattro lezioni hanno consentito ai ragazzi di ricostruire gli equilibri, spesso delicati, con cui si deve confrontare una realtà come Fiera Milano, in continua relazione tra mercato, istituzioni e associazioni di settore, e di comprendere le logiche di messaggi diversificati, riflettendo sulla specificità del prodotto fieristico, che è, già di per sé, un mezzo di comunicazione. Al centro degli incontri, è stato dato spazio anche alla creazione e gestione della pianificazione integrata tra media differenti, perché, quando si comunica a livello istituzionale, nulla deve essere lasciato al caso.

Confrontandosi direttamente con lo staff di Fiera Milano impegnato nella gestione della comunicazione, gli studenti hanno scoperto, insieme agli strumenti e alle dinamiche professionali, anche aneddoti e curiosità sul quotidiano mestiere del comunicatore. Alla fine delle quattro lezioni, animate da domande e simulazioni, i giovani sono stati invitati a visitare la prossima edizione di TuttoFood, di cui ora conoscono a fondo tutti i “segreti”.