Comunisti contro comunisti: «Alle comunali correremo da soli»

«Vincenzi, Pinotti, Doria e gli altri candidati fantoccio del centrosinistra non sono altro che un circo. Ai veri compagni dico soltanto che è tempo perso partecipare alle primarie. Il nostro giudizio sull’amministrazione Vincenzi è estremamente negativo. Ci presenteremo con un nostro candidato sindaco. L’americanizzazione della politica e la teatralità non fanno parte della nostra cultura politica. A Genova il gioco è chiaro. La sfida è tra Vincenzi e Pinotti. Doria e gli altri outsider partecipano per poi ottenere una poltrona di assessore. In tal senso, destra o sinistra non fa differenza».
Compagni contro compagni cattocomunisti e radical chic. La sinistra contro il centrosinistra, che si è alleato con il centrodestra, per favorire i poteri forti del capitale attraverso i decreti Tassa Italia e Salva Privilegi a danno dei lavoratori «dipendenti, ma anche autonomi come tassisti, trasportatori, benzinai, pescatori, artigiani e commercianti, per non parlare dei pensionati». Il segretario del «neonato» Partito Comunista, Marco Rizzo, insieme al segretario regionale Roberto Delogu e a quello provinciale Marco Traverso, ieri ha incontrato nella sede di via Donghi una delegazione di tassisti, altri lavoratori e cittadini per ricordare la lotta a fianco degli operai di Sestri Ponente, illustrare la linea politica «di fronte al massacro sociale causato dal governo Monti» e in vista delle prossime elezioni amministrative.
«Non voteremo mai nessuno dei candidati della coalizione che, a livello nazionale, sostiene il governo Monti - confermano Delogu e Traverso - presenteremo una lista alternativa alle forze lobbyste del centrodestra e del centrosinistra genovesi. Per il nome del candidato sindaco decideremo nei prossimi giorni».
«Il governo Monti - aggiunge Marco Rizzo - è sicuramente peggio del governo Berlusconi. I governi tecnici esistevano soltanto nelle colonie, riscuotevano gabelle e facevano gli interessi delle Corone. Non certo quelli del popolo e degli schiavi. Capitale e governo tecnico scelto da Trilateral e poteri forti, non votato dai cittadini, ma da rappresentanti parlamentari eletti con un sistema a dir poco discutibile, fanno e continueranno a fare lo stesso. In tale pericoloso, dannoso per tutti e antidemocratico contesto, il Partito Comunista è una forza moderna, l’unica che ha storicamente dimostrato di poter battere il capitale. È' ridicolo vedere i rappresentanti del centrodestra e del centrosinistra, che fino a poche settimane fa si azzannavano tra loro, siano insieme leali sostenitori di questo governo».