Concedere la grazia spetta anche al ministro della Giustizia

Allora, a quanto pare, sarebbe obbligatorio per il Guardasigilli apporre la sua firma per proporre al Capo dello Stato la grazia per qualche detenuto. Se le cose stanno così non capisco a cosa serva la firma del ministro di Grazia e giustizia: meglio sarebbe che la concessione della Grazia fosse competenza esclusiva del Presidente della Repubblica, non vi pare? Perché dovrebbe essere richiesta la firma del ministro di Grazia e giustizia se questi non condivide tale richiesta e, comunque, che valore ha se è obbligatoria? Se si vuole che la Grazia sia garanzia contro l’eventuale “mano pesante” della Giustizia, allora che sia prevista o la possibilità per il Guardasigilli di proporre la Grazia al Capo dello Stato per un certo detenuto e che quest’ultimo decida in perfetta autonomia sulla opportunità di concederla. Il tutto, però, in casi assolutamente eccezionali e con motivazioni più che forti.
Questo è il primo punto.