La concentrazione nel mirino degli artisti multimediali

Invita a fare ingresso in una specie di nuova dimensione e ad abbandonarsi a uno «stato di coscienza alterato», la mostra multimediale «Concentra/azione», fino al 30 aprile alla Sound Light System Gallery, a cura di Alessia Vignola e Francesca Leuzzi. Quattro artisti - il maestro della vibrational art Auro, il pittore e scultore italo-venezuelano Marcelo Bottaro, la scultrice emiliana Lucia Geraci e il coreografo e performer romano Salvator Spagnolo - suggeriscono una «esperienza coinvolgente e stupefacente, un disorientamento nello spazio e nel tempo dove tutto è sospeso e tutto è» attraverso le opere esposte, dai dipinti alle sculture, dalle installazioni e videoinstallazioni a gioielli che assomigliano a minisculture. Un evento multimediale rende ancora più particolare il già suggestivo allestimento, proponendo le video-proiezioni di Auro e i brani tratti dall’album Vibrational Space di Rosie Wiederkehr, Tonj Acquaviva e dello stesso Auro. Lo spettatore diventa anche viaggiatore, condotto in un percorso caleidoscopico-vivente in cui tre personaggi danzanti (Salvator Spagnolo, Valentina Conti e Fabio Barbati) tra luci e ombre danno vita allo scenario pantomimico ideato dal coreografo e danzatore Spagnolo che, insieme con la gestualità di Lucia Geraci e la voce narrante di Marcelo Bottaro, diviene uno spazio interattivo che stimola le percezioni sensoriali. Le note diffuse sono quasi una «musica guaritiva», in grado di rigenerare e rigenerare il «bambino interiore» che c’è in ciascuno di noi. «La concentrazione - spiegano le curatrici della mostra - è la chiave di accesso alla consapevolezza, è lo stato in cui la mente osserva se stessa, è rottura totale con la coscienza normale. “Concentra/azione” è la soglia di accesso a un altro stato dell’essere, in cui il punto di vista individuale perde significato e si condivide intimamente una profonda armonia».
Sound Light System Gallery, via Livorno 64, ingresso libero. Informazioni: 06.44236593.