Concerto di Gala stasera a Lugano

Chiusura con un Concerto di Gala per la prima parte del Festival musicale di Lugano: al Palazzo dei Congressi questa sera si esibisce una delle migliori orchestre del mondo, quella del Teatro Mariinsky di San Pietroburgo, guidata da Valery Gergiev, considerato universalmente l'erede principale della grande scuola direttoriale russa.
Russi sono pure il programma e il solista: si apre con Capriccio spagnolo di Rimskij-Korsakov, il pianista Alexander Toradze suona il famoso Concerto con tromba solista di Shostakovich, mentre Gergiev chiude con i Quadri di un'esposizione di Mussorgskij.
L’Orchestra del Teatro Mariinsky di San Pietroburgo vanta una lunga e distinta storia, quale una delle più vecchie istituzioni musicali della Russia. Fondata nel XVIII secolo, durante il regno di Pietro il Grande, era conosciuta prima della rivoluzione con il nome di Orchestra russa dell'Opera imperiale con sede a San Pietroburgo presso il famoso Teatro Mariinsky fino al 1860. L'orchestra ha vissuto i suoi "anni d'oro" durante la seconda metà del XIX secolo, sotto la direzione musicale di Eduard Napravnik (1839 - 1916), che sviluppò la “scuola di direzione russa".
Ciaikovskij fu strettamente legato al Teatro Mariinsky, non solo quale direttore dell'Orchestra, ma anche portando in prima esecuzione la sua Quinta sinfonia, così come l'Ouverture fantastica “Amleto“ e la sua Sesta sinfonia. Anche Sergeij Rachmaninov diresse l'Orchestra in numerose occasioni, inclusa l'esecuzione in prima mondiale della sua Cantata di primavera e il poema sinfonico Le campane. L'Orchestra eseguì pure in anteprima le musiche del giovane Igor Stravinsky, quali il suo Scherzo fantastico e la suite dal balletto Uccello di fuoco.