Concerto di Pasqua diretto da Masur tutto dedicato a Felix Mendelssohn

Kurt Masur, celebre direttore tedesco abbastanza noto anche al pubblico italiano, specie dopo il recente televisivo bagno di folla del Concerto di Capodanno dalla Fenice di Venezia, trasmesso su RaiUno e visto da cinque milioni di telespettatori, torna questa sera nella capitale per un graditissimo fuori programma: un concerto di Pasqua, interamente dedicato a Mendelssohn, guidando un’orchestra italiana, la Filarmonica Toscanini, che si sta facendo onore e sul cui podio negli ultimi mesi si sono avvicendati, in Italia e all’estero nel corso delle sue frequenti tournées, direttori del calibro di Maazel, Pretre, Rostropovich.
Masur ha scelto il particolarissimo programma mendelssohniano (Concerto in mi minore per violino e orchestra op. 64; Sinfonia n. 3 in la minore «Scozzese»; Ouverture «Ruy Blas» op. 95), anche in qualità di presidente della «Fondazione Mendelssohn», che egli stesso ha fondato alcuni anni fa a Lipsia, alla quale andrà parte del ricavato del concerto, per sostenere le sue attività di studio e diffusione delle opere del grande musicista, affidate a giovani studiosi ed interpreti. Al concerto, che ha il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania, partecipa in veste di solista la venticinquenne violinista Sarah Nemtanu, violino solista dell'Orchestre National de France. Da non mancare.
Auditorium Conciliazione. Oggi ore 21. Filarmonica Toscanini. Direttore Kurt Masur. Biglietti da 10 a 35 Euro.