Concerto a sostegno del Duomo Allevi e i Cameristi della Scala

In programma brani di Vivaldi, Piazzolla e i successi del pianista

La musica sale sul sagrato del Duomo e lo fa con i Cameristi della Scala e Giovanni Allevi, che si esibiranno in due distinti concerti a base di musica classica, jazz e sonorità contemporanee. Per la prima volta il sagrato della Cattedrale, simbolo di Milano, ospiterà due manifestazioni musicali che porteranno in piazza Duomo le note de Le quattro stagioni di Antonio Vivaldi e l'omonima opera del compositore argentino Astor Piazzolla, mentre Allevi suonerà brani estratti dal suo ultimo album Joy e dal precedente No concept. Violini, viole, violoncelli, un contrabbasso e un cembalo diretti da Francesco Manara, violino di spalla dell'orchestra scaligera, che con i Cameristi della Scala eseguirà Le quattro stagioni vivaldiane alternate a quelle composte da Piazzolla fra il 1964 e il 1970, il tutto per un'ora e venti di concerto. Con l'opera di Vivaldi, che si concentra sull'atmosfera che evoca ogni singola stagione, mentre Piazzola è più attento ai sentimenti, alle cosiddette stagioni del cuore, qui presentate nella versione di Gidon Kremer per violino solista e orchestra d'archi. Toccherà ad Allevi poi, in un secondo appuntamento, proporre le musiche dei suoi ultimi due album, composizioni per pianoforte, che proprio in questi mesi lo vedono impegnato nel «Joy tour 2007». E già si prevede «una pacifica invasione di alleviani nel capoluogo lombardo». L'iniziativa, promossa dall'assessorato comunale al Turismo non a caso si chiama «I milanesi per il Duomo», perché i due concerti, gratuiti, sono realizzati a sostegno della Veneranda Fabbrica del Duomo, l'ente, che a partire dal 1387 si occupa della conservazione e dell'abbellimento della Cattedrale. Il Comune mette a disposizione 5mila posti in piazza, chiedendo un piccolo contributo, che potrà essere versato attraverso il sito www.duomomilano.it. Contributi che sono ben accetti considerando che negli ultimi venti anni le donazioni dei cittadini alla Veneranda fabbrica del Duomo non superano lo 0,1 per cento all'anno delle sue entrate. Per l'assessore al Turismo Orsatti, «i milanesi danno quasi per scontato il Duomo». Il cuore della città, quindi, «quella spiaggia metropolitana nel centro di Milano», secondo la definizione di monsignor Luigi Manganini, arciprete del Duomo, è chiamata a ravvivare il sentimento che lega i milanesi alla cattedrale. E la risposta non si è fatta attendere, dato che entrambi i concerti si sono già accaparrati un pubblico di quasi 4mila persone a testa. I biglietti sono da ritirare all'Urban center in Galleria dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18, mentre oggi e domani al Ricordi Mediastore e alla libreria Rizzoli della Galleria, e i giorni dei concerti in appositi spazi in piazza Duomo e davanti all'Urban center.
Cameristi della Scala
8 luglio ore 21.30
Giovanni Allevi
14 luglio ore 21.30