«Concorso di colpa, ma il portiere non lo cambio»

da Siena

Ancelotti non cerca alibi per la brutta prestazione e il pari raggiunto in extremis: «È stata una partita complicata, noi eravamo lenti e prevedibili e abbiamo trovato di fronte una squadra molto motivata, rapida. Abbiamo fallito alcune occasioni e il vantaggio del Siena ha reso tutto più difficile». L'errore di Dida? «Un errore piuttosto grave, ma può succedere. Come quello del guardalinee che non ha visto il fuorigioco di Maccarone: diciamo che è stato un concorso di colpa», sorride. «Comunque - aggiunge serio - voglio dire una cosa che varrà per oggi e per il resto dell'anno: Dida è e rimarrà il portiere titolare del Milan».
Forse troppa tensione in vista della partita di martedì? O giocatori sotto tono per colpa della nazionale? «No, nessuna tensione per l'incontro di Champions - risponde il tecnico rossonero - la coppa è importante come il campionato e noi dobbiamo pensare a raggiungere tutti e due gli obbiettivi. Neanche la nazionale c'entra: si sa che c'è, bisogna prenderne atto e sta a noi adeguarci».
Deluso dal Milan di oggi? «Dal Milan, mai. Anche se oggi si poteva fare meglio. Abbiamo trovato difficoltà, sarebbe stato un premio eccessivo il gol di Seedorf, perchè il Milan non ha fatto una bella partita Comunque sono soddisfatto delle prestazioni di Emerson e soprattutto di Gourcouff, che è sempre stato nel vivo del gioco». L'uscita di Gattuso? «L'ho risparmiato per martedì, ma nessun guaio fisico».