Concorso d’eleganza, quando i sogni si toccano con mano

da Cernobbio (Como)

I fuochi d’artificio hanno concluso come di consueto il concorso d’eleganza di Villa d’Este, la più prestigiosa rassegna mondiale di auto storiche. Ora sono già iniziati i preparativi per l’edizione 2008. Un appuntamento iniziato nel 1929 con l’esposizione delle vetture più esclusive realizzate dai carrozzieri italiani, tedeschi, inglesi diventa di anno in anno sempre più sofisticato.
A Villa d’Este il passato si lega al futuro e quest’anno (per la nona volta l’iniziativa è supportata da Bmw) accanto ai 50 capolavori realizzati prima del 1970 sono stati esposti 12 prototipi, tra i quali una Maserati GS firmata Zagato che si ricollega alla Maserati A6 sempre di Zagato disegnata nel 1954, una delle più affascinanti berlinette del Tridente. Bertone ha presentato una roadster realizzata su meccanica Fiat Panda. Giugiaro una biposto con motore a idrogeno da 260 cavalli. Mercedes-Benz ha anticipato le forme della prossima grande cabriolet a quattro porte con la Ocean Drive. Il prestigioso Trofeo Bmw è stato conquistato dalla Mercedes SSK, costruita nel 1930 e ora di proprietà dello stilista Ralph Lauren. Bmw ha presentato la Concept coupé Mille Miglia, vettura frutto di un sogno e realizzata in occasione della rievocazione storica della gara del 2006. Mitica la 328 Touring Coupé MM (Mille Miglia), la due posti che nel 1940 si aggiudicò il primo posto nella massacrante corsa. Fritz Huschke von Hanstein e Willi Baumer effettuarono l’intero percorso alla media oraria di 166,7 orari, un record mai battuto.
Sempre della Bmw è la 335 Cabriolet del 1949 che è stata portata a Cernobbio dalla Norvegia da Per Viberg, il proprietario: dopo averla trasportata su un camion per mille chilometri attraverso strade innevate, l’ha guidata per oltre 2mila chilometri.
Molti i partecipanti al Concorso giunti sul lago di Como guidando le proprie auto. Hanno dimostrato che la passione può rendere i veicoli storici affidabili. Numerose le celebrazioni a Villa d’Este.
Il designer svizzero Rinspeed ha ricordato il 30esimo anniversario della fabbrica di Zumikon presentando la eXaxis, dotata di carrozzeria trasparente, sedili uno dietro l’altro e motore a bioetanolo. Renault ha presentato lo studio di design Nepta, già visto a Parigi 2006, una cabrio quattro posti con portiere ad ali di gabbiano. Saab ha esposto la due posti panoramica Aero X, coupé con tetto e portiere che scivolano verso l’alto e in avanti insieme al parabrezza anteriore, mentre la C-XF è stata la stella Jaguar. Già presentata al recente Salone di Detroit, ha un aspetto da felino tipico della vera ammiraglia inglese.
Il produttore cinematografico James Glickenhaus (collezionista di Ferrari), presente a Villa d’Este tre anni fa, ha convinto Pininfarina a realizzare una carrozzeria unica e speciale basata sulla Enzo Ferrari. È nata così la Ferrari P4/5 Pininfarina, capolavoro da 4 milioni di dollari. Da Villa d’Este il ferrarista statunitense si è diretto in Sicilia per guidarla alla scoperta dell’isola.