La condanna di Perugia Il governo Usa: «Nessuna critica»

Per come si è svolto il processo di Perugia, non c’è alcuna critica da parte degli Stati Uniti al sistema giudiziario italiano, anzi. A giudizio degli Usa è un sistema «giusto, aperto e trasparente». Subissato dalle domande della stampa americana, il portavoce del Dipartimento di Stato Usa, Ian Kelly, ha risposto in questi termini alle polemiche sempre più accese che in America sono seguite alla condanna di Amanda Knox, cittadina americana di Seattle condannata in Italia a 26 anni per l’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher. Una dura reazione anche da parte di Arline Kercher, la madre della vittima. La donna ha duramente criticato l’atteggiamento della famiglia Knox: «Che c’entra la politica? Non so dove i famigliari di Amanda vogliano arrivare coinvolgendo persone di alte responsabilità».