Condannata lampo assolta dopo 11 anni

La cocaina è sul tavolo quando entrano i carabinieri: 36 grammi.
Laura Antonelli non spaccia, la usa per sé. È già persa in un mondo che non è il suo: «Bevevo molto, ero stressatissima. Fare l’attrice non era per me. Davvero». Undici giorni dopo l’arresto, con conseguente clamore mediatico, sarà condannata. Cambierà la legge, sarà riconosciuto l’uso personale e lo Stato ammetterà che il lunghissimo processo le ha rovinato la carriera a la salute. In cambio offrirà un risarcimento ridicolo: 10.000 euro. Ci vorranno undici anni per tirarla fuori del tutto da quella storia con l’ultimo atto, di pochi giorni fa: la Cassazione riconosce il torto e il diritto a 108.000 euro.