Conflitto d’interessi, il «signor Vincenzi» lascia

L’appuntamento resta fissato al 25 settembre in tribunale. Ma la sfida si è già infiammata. Lei, la sindaco Marta Vincenzi, da una parte, loro, Christian Abbondanza, Simonetta Castiglion e l’associazione «Casa della Legalità» dall’altra. C’è la storia del conflitto di interesse da risolvere. È anche un primo passo indietro del marito della «prima cittadino», che lascia un incarico assunto per l’Autorità portuale di Genova. È di pochi giorni fa la notizia del controricorso presentato dagli avvocati della sindaco al Tribunale per spiegare perché non bisogna dar retta ai sospetti. Perché Bruno e Malvina Marchese, rispettivamente marito e figlia della Vincenzi, pur avendo proprietà in società interessate da appalti pubblici, non rischiano di essere incompatibili con il ruolo da sindaco di Marta.
Il fatto è che il pool di super avvocati messi in campo (...)