Il conflitto in Palestina e le colpe dell’Unione Europea

Tutto il mondo ha potuto vedere qual è l’enorme differenza culturale fra il popolo israeliano e quello palestinese. Per affermare la propria esistenza gli israeliani sorridono, cantano e ballano; i palestinesi nascondono il volto con maschere, indossano cinture esplosive da far esplodere fra innocenti, sparano e bruciano le bandiere di Stati riconosciuti da tutti come liberi e democratici. Tutto ciò può accadere oggi per grave colpa della Comunità Europea che ha incoraggiato e sostenuto moralmente ed economicamente Arafat, fanatico inventore del terrorismo internazionale. E con buona pace di partiti e partitini della sinistra italiana che ancor oggi vanno a braccetto con chi riesce a trovare dei distinguo sulla partecipazione a una manifestazione contro il nuovo Hitler.