Il Coni insiste «Lo sport vada a uno di noi»

Il Coni milanese insiste per avere come assessore il presidente provinciale, Filippo Grassia. «Lo sport deve andare allo sport, Letizia Moratti aveva pubblicamente promesso alle Stelline che avrebbe scelto come assessore un uomo che proveniva dal nostro mondo e siamo convinti che lei voglia mantenere quella promessa» dice il vicepresidente vicario Franco Angelotti. Martedì sera la giunta esecutiva (senza Grassia) ha discusso il tema, ricordando l’insoddisfazione per il modo in cui negli ultimi dieci anni è stata affrontata la questione dello sport. «Siamo davanti a una sfida importante come l’Olimpiade 2016, che con la classe dirigente giusta non è una sfida impossibile. C’è la necessità di rinnovare strutture come l’Arena, il Palazzetto, lo Stadio dell’acqua. È necessario che questi temi siano affrontati da una personalità di lunga e provata esperienza nel campo». Nulla di personale contro i candidati di Forza Italia, assicura Angelotti, «brave persone ma è una questione di metodo e di necessità che chi occupa quel ruolo conosca il mondo dello sport nei dettagli».