Al Coni la serie A o 45 milioni di euro

Luca Russo

Nessun sconto per il campionato in corso, ma la garanzia di una particolare attenzione in estate. E' l'offerta che la Figc e la Lega avrebbero pronta per chiudere il contenzioso con il Genoa che domani si presenta a Roma con i suoi avvocati Carbone e Gatto (D'Angelo non ci sarà per problemi personali, ma non ci saranno rinvii, ndr) alla Camera di Conciliazione e Arbitrato del Coni. E non è escluso che la partita giudiziaria si possa già chiudere definitivamente dando qualche certezza a Vavassori (ieri festeggiato in casa per i suoi 54 anni, ndr) e il suo gruppo: per questo ci sarà anche Enrico Preziosi. Troppo importante, questo incontro. Anche perchè il numero uno del Genoa, chiederà, se non sarà trovato un accordo, un indenizzo di 45 milioni di euro. Poi ci sono le certezze del campo: tre gol, ritorno alla vittoria, gioco, spettacolo, una fuga in classifica. Assoluti protagonisti, Iliev e Grabbi che hanno mostrato ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, come questo Genoa centri davvero poco con la serie C. Dante Lopez sarà pronto per l'incontro casalingo con il Padova (in posticipo lunedì) mentre José Mamede si scalda già per la trasferta di domenica a Fermo. Non solo. Il mercato in entrata potrebbe registrare un altro arrivo: da Avellino si parla con insistenza del terzino Vincenzo Moretti. E ora il Grifone è ad un passo dal raggiungere uno storico record. Quello delle trentatrè partite consecutive senza una sconfitta. Insomma tutto bene e allora resta un interrogativo. Perché rimanere in silenzio e non consentire ai propri tesserati di raccontare i segreti di un momento magico?