Connessioni più veloci con l’Umts

La rete di terza generazione e quella Edge favoriscono la navigazione anche se non si ha a disposizione una linea telefonica fissa

Massimo Carboni

da Milano

Per chi si definisce un nomade informatico, il collegamento ad Internet ovunque e in qualsiasi circostanza rappresenta un requisito indispensabile. Il meccanismo è semplice: il cellulare funziona da modem e si collega, attraverso la chiamata del Pc all’operatore che fornisce il servizio di collegamento al web.
Si parte dall’ipotesi più sconsigliata: una chiamata con il cellulare verso il provider abituale. Per visualizzare una pagina con molte immagini può passare qualche minuto e se si considera che la tariffa è la stessa che si paga da cellulare a numero fisso, l’operazione può diventare oltremodo onerosa e, soprattutto, improponibile per un’utenza professionale.
Un’altra possibilità è il collegamento Gprs. In questo caso l’operazione più conveniente è consultare il piano delle offerte dell’operatore telefonico utilizzato (Tim, Vodafone, Wind e «3») per verificare l’esistenza di tariffe flat che consentano di scaricare una quantitativo di dati a costo fisso. Tuttavia anche in questo caso il trasferimento dati risulta essere piuttosto lento, per scaricare una mail con un allegato di 5 megabyte si può stare collegati anche una mezz’ora. La soluzione per chi davvero non vuole rimpiangere l’Adsl di casa, o, comunque, vuole lavorare anche in vacanza o in qualsiasi altro posto in modo veloce e professionale è procurarsi un cellulare che, oltre al Gprs, supporti collegamenti Umts in grado di garantire una velocità di trasferimento dati decisamente interessante, capace di non far rimpiangere troppo l’Adsl dell’ufficio.
Come avviene per il Nokia 6630 che è un po’ l’erede veloce del mitico 6600 che supporta solo il Gprs. Il cellulare oltre a mantenere le caratteristiche vincenti del suo predecessore, come il sistema operativo Symbian e una fotocamera integrata, con una risoluzione però maggiorata di 1,3 megapixel, propone anche la possibilità di connettersi alla rete di terza generazione con l’opportunità di scaricare a 384 Kilobyte per secondo e una velocità di upload di 128 Kb. Costa 295 euro circa. Caratteristiche simili per il modello superiore, il 6680 anch’esso Umts ma offre, in più, una doppia videocamera: una a 1,3 megapixel posta sul retro del telefono e una VGA posta sulla parte frontale per consentire all’utente di effettuare delle video chiamate utilizzando l’ampia banda di collegamento. Il prezzo è di circa 589 euro.
Un altro cellulare perfettamente equipaggiato per supportare i servizi Umts ed Edge è il Motorola V1050. Stesse velocità di download e upload dei due cellulari marcati Nokia e fotocamera integrata a 1,3 megapixel. Costa 229 euro.
Il Samsung Umts Sgh-Z105 è, invece, evoluzione del primo cellulare 3G presentato da Samsung (Sgh-Z100). Si tratta di un telefono Umts con design a conchiglia in grado di supportare le comunicazioni tra vari paesi che hanno sistemi di copertura differenti, dai sistemi Gsm/Gprs alle reti di terza generazione.
È dotato di una fotocamera digitale integrata con obiettivo che ruota di 180 gradi. Le immagini visualizzate sul display Lcd interno ad alta definizione con oltre 262mila colori risultano estremamente realistiche e definite. Costa 359 euro.