«Consensi dal centro e dalla periferia»

«Il centrodestra a Milano vince in modo uniforme sull’intera città, comprese tutte le periferie dove ha sconfitto l’Unione con un distacco di circa 5 punti». A riferirlo, soddisfatto, è il vicesindaco ed esponente di An Riccardo De Corato. Il risultato, sottolinea, «dimostra che non è vero che ci sia insoddisfazione nei milanesi che abitano in periferia, come spesso la sinistra in questi mesi ha voluto far credere». De Corato giudica «molto positivi» i dati relativi ad An, che a Milano ha ottenuto l’11,5% dei consensi, «uno dei migliori risultati elettorali dal ’95 ad oggi, e si attesta come terzo partito della città», ma anche nel resto della Lombardia e in tutto il nord Italia. In diverse province lombarde, An supera anche la Lega. Dai risultati «emerge che né Ferrante né le primarie hanno portato un solo voto in più alla coalizione di centrosinistra rispetto ai dati delle regionali. Quindi l’Unione poteva fare a meno di scomodare un ex prefetto per cercare di vincere le elezioni, visto che la sua candidatura non ha migliorato la performance del centrosinistra. E dato che nell’Unione c’è sempre più sinistra e meno centro, Ferrante dovrà quindi fare i conti con una coalizione in cui i moderati si riducono sempre più».