In Conservatorio il violino di Ughi

Oggi. Al Dal Verme «Milano Festeggia Scarlatti» così articolata: alle 18 «Scarlatti alla tastiera, oggi» e «Ispirazione, improvvisazione, trasgressione» con la partecipazione del pianista Luigi Palombi. Alle 20 «Riscoprire l'attualità» con musiche di Scarlatti, Durante, d'Astorga eseguite dagli studenti del Conservatorio. Seguito da «Invenzioni strumentali» e le musiche di giovani compositori quali: Giovanni Albini, Paolo Bergamini, Pasquale Corrado, Federico Gardella, Clara Jannotta che propongono 5 rivisitazioni di Sonate. In Conservatorio, alle 21, il pianista Piotr Anderszewski interpreta composizioni di Schumann e Beethoven. Domani. Nella Sala Puccini del Conservatorio, alle 12.45 si chiude «Concertiamo» con la partecipazione di Arianna Redaelli, Ludovica Mascaretti, Alice Belardini, Dora Scapolatempore, Viliana Ivanova. In programma composizioni di Mozart, Brahms, Debussy, Granados, Parrvis, Gretry, Albéniz, Halffer. Mercoledì. In Conservatorio (Sala Verdi) la Stuttgarter Philarmoniker diretta da Gabriel Feltz e con il violinista Uto Ughi, danno vita a musiche di Brahms e Beethoven. Giovedì. Nella Sagrestia Monumentale di San Marco, alle 21, si esibisce Amaya Fernàndez Pozuelo (clavicembalista) in brani di Bach. Venerdì. Alla Scala, alle 20, prende vita la replica dell'opera di Janacek «Ladi Makbet Mcenkogo uezda», diretta da Kazushi Ono per la regia di Richard Jones.