Consigli sul pass, basterà un clic

Anche gli automobilisti potranno dire quello che pensano da lunedì prossimo sul controverso ticket antismog che dal febbraio 2007 partirà a Milano, città tra le più afflitte dall’inquinamento in Italia e dove il traffico ogni anno causa danni da 5 miliardi di euro. Sul sito del Comune (www.comune.milano.it) si potranno leggere dal 6 novembre notizie dettagliate su tariffe, controlli e classi di veicoli, scrivendo invettive o consigli sul piano che per la sua ampiezza non ha precedenti in Italia. La tariffa d’ingresso, che non piace alla maggioranza degli italiani secondo tre sondaggi recenti (Isfort, Nuova Energia e Legambiente), passa quindi ora all’esame di cittadini, associazioni ed enti locali. «Da lunedì - spiegano all’assessorato a Mobilità e Trasporti - pubblicheremo sul sito del Comune tutte le schede dettagliate, in stile inglese, che i cittadini potranno leggere e commentare».
«Questo percorso di ascolto e condivisione - precisa in una nota l’assessore Edoardo Croci -, durerà due mesi, dopo di che inizierà la fase sperimentale di introduzione della Pollution Charge. Vogliamo che il piano, che partirà nella sua forma definitiva il 15 ottobre, sia rafforzato dal contributo di tutti». Oltre ai cittadini, dunque, saranno ascoltati già lunedì i trentadue sindaci dell’hinterland, Camera di commercio, Assolombarda, associazioni ambientaliste e di consumatori. Tutti chiamati ad apportare modifiche a un provvedimento che riguarderà un’area di intervento pari a 60 chilometri quadrati, il 33 per cento del territorio comunale, delimitata dalla «cerchia ferroviaria» a nord ed est e dalla circonvallazione esterna a sud ed ovest. Interesserà una popolazione di 774.000 abitanti, pari al 59 per cento del totale dei residenti di Milano, in una fascia oraria dalle 7 alle 18 di tutti i giorni feriali.