In Consiglio il conte Uguccione

Dagli schermi di Mai dire gol ai banchi del consiglio regionale. Il «Conte Uguccione» alias Roberto - detto Bebo - Storti è il nuovo consigliere lombardo del Pdci. Prende il posto dell’astrofisica Margherita Hack, che si è dimessa ufficialmente ieri «per motivi personali» da rappresentante dei Comunisti Italiani. Una carica che invece Storti giura di tenersi stretta. Anche se, assicura, l’impegno politico non lo terrà lontano dal teatro. Proprio ieri sera si è tenuta allo spazio Oberdan di Milano l’ultima rappresentazione del suo monologo La strana storia del Cintura e il mistero della stecca insanguinata, un racconto sulla «mala» milanese.
«La mia attività teatrale continuerà - spiega il neoconsigliere Storti -, cercherò di fare le due cose insieme». L'attore, diventato famoso in tv per la sua partecipazione a Mai dire gol nelle vesti del «Conte Uguccione», ha già partecipato a una riunione con tutti i consiglieri regionali di opposizione qualche tempo fa. «Ma si è trattato - dice - più che altro di una presentazione, in cui abbiamo parlato del risultato elettorale. Il primo vero incontro sarà tra un po’, prima della seduta di apertura del consiglio regionale, che è prevista per il 6 giugno nel Pirellone restaurato». Storti spiega che, inizialmente, si dovrà «guardare intorno. Devo capire cosa succede». Su ciò di cui si vorrebbe occupare, però, ha le idee chiare: «Il rapporto con il mondo dei giovani, l'immigrazione, le carceri, gli anziani e la cultura. Bisogna vedere se c'è lo spazio per occuparsene».