Il consiglio finisce alle 23 solo perché il centrosinistra attacca Orengo (Pdl)

(...) e qualche favore da amici che non era riuscito a soddisfare durante il suo precedente mandato. Lo scontro si è così focalizzato tra due posizioni, quella di Orengo, riassumibile in un: sono problemi del territorio, votiamoli e diamo un segnale di sensibilità come Municipio; e quella della maggioranza: prima approfondiamo e poi votiamo quello che diciamo noi. Sacrosanto conoscere cosa votare, ma almeno per due questioni su tre (terza corsia in corso Marconi e rotatoria in via Rossi) si è trattato solo di confermare progetti già studiati e messi agli atti dal Comune. Nonostante ciò si è aperto il fuoco su tutti i fronti, con il centrosinistra in buona sostanza ad accusare Orengo di portare avanti proposte buone ma sotto una cattiva veste, e il pidiellino a ribattere denunciando una frattura nella maggioranza stessa tra i più aperti al dialogo del Pd e i più estremisti di Sel. Il lavoro di sintesi cercato dal presidente Morgante è stato durissimo, riuscendo a compiersi con buon senso per le prime due proposte (terza corsia in corso Marconi e Valletta Cambiaso) accorpate in due documenti condivisi dal Consiglio e approvati all'unanimità. Sulla rotatoria la discussione è arrivata quasi fino alle 23 (il consiglio iniziava alle 19, ndr) e la mancanza di un accordo tra le parti ha fatto propendere il presidente per un rinvio alla prossima seduta. Da segnalare in apertura di consiglio l'intervento di alcuni cittadini su Villa Raggio, minacciata da un’operazione immobiliare che andrebbe a cozzare contro ogni vincolo ambientale e architettonico dello storico edificio e del suo parco.