Consiglio straordinario con i presidenti di Zona

Un consiglio comunale straordinario con la presenza dei presidenti di zona, perché «un piano per la sicurezza e la lotta al degrado deve coinvolgere direttamente il territorio». A proporlo l’Ulivo, con «dieci pilastri - spiega il capogruppo Marilena Adamo - per riportare l’attenzione sulle questioni di merito e per indicare quello che vorremmo l’amministrazione facesse all’indomani del corteo». Priorità è l’integrazione tra forze territoriali e macchina amministrativa per riportare vivibilità nei quartieri. Per questo, accanto alla costituzione di consulte sulla sicurezza che coinvolgano anche i rappresentanti delle forze dell’ordine in ogni consiglio di zona, l’Ulivo chiede una task force antidegrado, con un numero unico per le emergenze. Nel decalogo spicca la richiesta di rafforzare e coordinare le forze dell’ordine per rendere più capillare la loro presenza nei quartieri. Contemporaneamente, per liberare un maggior numero di agenti sulle strade, Palazzo Marino dovrebbe chiedere al governo il trasferimento agli enti locali di alcune pratiche burocratiche, come il rinnovo dei permessi di soggiorno, oggi in carico alle forze dell’ordine. «Elementi da valutare - replica il vicesindaco Riccardo De Corato - insieme ad altri che non danno alcun contributo innovativo, visto che ribadiscono politiche già in corso».