Consolidamento, una settimana tra alti e bassi

L’S&P/Mib future recupera dai minimi della scorsa settimana, toccando un massimo a quota 42915 per poi chiudere a 42655. Le quotazioni si mantengono all'interno del canale di oscillazione 41700 in basso e 43200 in alto. Da monitorare il livello 42650 come indicatore di forza relativa ma solo l'uscita dalla parte inferiore del range darà l'avvio a una fase correttiva. In Italia, soddisfazione per il via libera dell’Opa Enel sulla spagnola Endesa. La Fiat, in occasione della presentazione della nuova "Cinquecento" promette di centrare l'obbiettivo dei 70 miliardi di fatturato nel 2010. Negli Usa, Apple quotata al Nasdaq vola sugli ottimi risultati di vendita e di esaurimento delle scorte del nuovo i-Phone. In linea con le attese la Bce lascia i tassi invariati al 4% definendoli accomodanti, pur rimanendo in allerta sull’andamento dei prezzi. Motivi di preoccupazione restano l'abbondante liquidità, ritmo di crescita elevato e alto utilizzo della capacità produttiva degli impianti. Ulteriori timori inflazionistici sono legati al record del prezzo del petrolio che ha raggiunto 76 dollari al barile.Damiano Colomba