Consorte, disoccupato da 22mila euro

Giovanni Consorte, l’ex amministratore delegato di Unipol coinvolto nell’inchiesta Antonveneta e indagato per associazione a delinquere, continua a percepire uno stipendio d’oro nonostante le dimissioni da tutte le cariche operative del gruppo assicurativo presentate lo scorso gennaio: 22mila euro al mese e un servizio di segreteria messo a disposizione negli uffici di Bologna. Il successore sulla sua poltrona, Pierluigi Stefanini, però, non si scompone: «La cosa non mi imbarazza». E il rapporto di lavoro continua.