Consumatori: aumentano i costi per la casa

Ricerca Adusbef e Federconsumatori: nel 2007 si spenderà il 7% in più per mantenere un alloggio in affitto, il 6% per un appartamento di propiretà. Crescono anche canoni di affitto e prezzi delle abitazioni (+5%)

Roma - Aumentano i costi per mantenere una casa, sia in affitto sia di proprietà. Rispetto allo scorso anno, per il condominio, il riscaldamento, la tassa sui rifiuti e le operazioni di manutenzione, nel 2007, si spenderà il 7% in più per chi è in locazione e il 6% in più per coloro che vivono in una casa acquistata. È quanto rilevano Adusbef e Federconsumatori, secondo cui anche i costi per l’acquisto di un immobile sono aumentati del 5%, confermando che ci vogliono circa 20 anni di stipendio per l’acquisto. Il costo degli affitti registra un aumento analogo. In particolare, per le case in affitto, le spese mensili di condominio sono passate da 65 euro dello scorso anno a 68 euro. Il riscaldamento è arrivato a 125 euro, contro i 117 del 2006, per la luce si pagano 42 euro (erano 38 nel 2006) e per il gas 31 euro (contro i 28 del 2006). La tassa sui rifiuti è passata da 21,5 euro a 23,5 euro mentre l’acqua è salita da 19 euro a 21,5 euro. La manutenzione ordinaria, infine, è passata dal 7,9 euro a 8,8 euro. Per le case di proprietà le spese mensili registrano analoghi rincari per il condominio, il riscaldamento, la luce, il gas, la tassa sui rifiuti e l’acqua. Sui proprietari di casa pesa anche l’imposta comunale sugli immobili, che rispetto allo scorso anno è ferma a 38 euro. Mentre per la manutenzione ordinaria e straordinaria si registra un aumento: da 24,65 euro del 2006 a 27,75 euro di quest’anno.