Consumi, l'allarme del Codacons: crollo del 20%

A Natale i consumi scendono del 20% rispetto all’anno scorso. Per i
saldi le attese sono per un calo degli acquisti del 30%
rispetto al 2008. A
risentire della crisi sono gli acquisti relativi agli addobbi per
la casa scesi e l'abbigliamento. Stabili gli alimentari. In positivo solo lusso e hi-tech

Roma -  I consumi italiani, nel periodo natalizio, sono scesi del 20% rispetto all’anno scorso e per i prossimi saldi le attese sono per un calo degli acquisti del 30% rispetto all’anno scorso. È quanto rileva il Codacons rendendo "noto oggi il dato definitivo sui consumi del Natale".

Consumi stroncati dalla crisi A risentire particolarmente della crisi - precisano in una nota i consumatori - sono stati gli acquisti relativi agli addobbi per la casa scesi mediamente del 25%, abbigliamento e calzature (-23%) e giocattoli (-10%) mentre "stabili si registrano i consumi alimentari". Gli unici settori a far registrare segno positivo sono stati, invece, hi-tech e lusso, che hanno "retto molto bene" in queste festività durante le quali "la spesa pro-capite per Natale (regali, spese per la casa, alimentari eccetera) non ha superato i 200 euro". "Questi dati non promettono niente di buono per i prossimi saldi invernali", afferma il presidente Codacons, Carlo Rienzi, prevedendo "una contrazione degli acquisti da parte dei cittadini che potrà arrivare fino al 30% rispetto ai saldi 2007".