Conti in crescita e «incognita» Toro

Generali

Generali si avvia a chiudere un altro trimestre in crescita mentre in Borsa il titolo, che pur si è riportato sulla soglia dei 32 euro, ai livelli dello scorso marzo, registra una performance inferiore al settore. Oggi il cda approverà la trimestrale: fra le ragioni che gli analisti citano per spiegare un andamento lontano dai massimi ci sono anche le incertezze sul ruolo che la compagnia, legata a doppio filo con Intesa, potrà giocare nel nuovo polo bancario con Sanpaolo Imi. C'è poi l'incognita Toro, con le attese per le decisioni dell'Antitrust che, entro il 5 dicembre, dopo aver ottenuto anche il parere dall'Isvap, dovrà indicare come risolvere gli eventuali effetti limitativi della concorrenza derivanti dall'acquisizione, anche alla luce dei «significativi legami personali e finanziari tra Generali e Fondiaria-Sai». Con Toro Trieste diventerebbe il primo operatore in Italia nel ramo danni, davanti alla compagnia del gruppo Ligresti.