Conti Nei nove mesi sale l’utile, ma il titolo cade in Borsa (-3,5%)

Corre l’utile di Telecom Italia che chiude i primi nove mesi del 2009 con profitti in crescita del 57,2% a 1,82 miliardi di euro, oltre le attese degli analisti. Ma nonostante la buona performance trainata soprattutto dall’andamento delle controllate in Sudamerica il titolo ha perso in Borsa lo 3,54% a causa del calo dei ricavi nella telefonia mobile. Oltre alla crescita dell’utile (peraltro contenuta al 14,6% al netto delle partite non ricorrenti che avevano penalizzato il 2009) il gruppo ha dimostrato una buona tenuta dei ricavi, sostanzialmente stabili a 19,9 miliardi (-0,5%) e dell’Ebitda, il margine operativo lordo, sceso a poco meno di 8,5 miliardi (-0,6%). Prosegue, inoltre, la riduzione del debito: nel 2010 è sceso di quasi 1 miliardo (964 milioni) e di 2,1 miliardi da settembre 2009, attestandosi sotto i 33 miliardi.