Conti pubblici, deficit ai livelli del '99

L'indebitamento delle pubbliche amministrazioni rispetto al pil scende, nei primi nove mesi del 2007, all'1,3%, rispetto al 4% dell'anno precedente

Roma - Il deficit si è attestato nei primo 9 mesi dell’anno scorso all’1,3%, era al 4% nello stesso periodo 2006. Si tratta del risultato migliore dal 1999. Lo comunica l’Istat. Nei primi nove mesi del 2007 l’indebitamento netto della pubblica amministrazione in rapporto al prodotto interno lordo si è attestato all’1,3% dal 4% dello stesso periodo del 2006, segnando il risultato migliore dall’inizio delle serie storiche nel 1999. Nel terzo trimestre il deficit è risultato pari a 0,5% dal 6,2% del terzo trimestre 2006. I dati diffusi oggi sono molto vicini a quelli che valgono ai fini di Maastricht per il rispetto del patto di stabilità, ma non del tutto coincidenti in quanto non tengono conto delle operazioni di swap. Nell’interpretare il confronto tra i dati del 2007 e quelli del 2006, Istat ricorda che nel terzo trimestre 2006 sono stati contabilizzati i rimborsi della detraibilità Iva dovuti alla sentenza del 14 settembre 2006 della Corte di giustizia europea, che sulla base delle informazioni disponibili sono stati stimati per un importo pari a 15,982 miliardi. Nel terzo trimestre 2007 le entrate totali sono aumentate in termini tendenziali del 7,2%, le uscite totali sono invece diminuite del 5,5%, ma il dato risente sempre dei rimborsi Iva.