Per Continental è battaglia e il titolo vola

da Milano

Seduta con il botto per Continental, società di peumatici e componenti per auto numero quattro al mondo, che ha guadagnato il 21,94%% alla Borsa di Francoforte sulle voci di una battaglia per l’acquisizione. Mentre si concretizza l’opa da 10 milioni di euro del gruppo Schaeffler, infatti, spunta un’offerta concorrente da parte del colosso di Stoccarda, Bosch Gmbh.
Secondo voci di mercato, Bosch sarebbe pronta a mettere sul piatto un prezzo d’acquisto di 72 euro per azione, superiore quindi ai 62-65 euro di Schaeffler calcolati dai trader sulla base della cifra riportata dal Financial Times Deutschland. Il gruppo di Stoccarda ha rifiutato di commentare le voci.
Da parte di Continental, invece, è arrivata una conferma sulla discesa in campo di Schaeffler: «C’è stata una conversazione su un possibile interessamento» alla fine della scorsa settimana, scrive la società in una nota. In mattinata il gruppo degli pneumatici aveva dichiarato che avrebbe resistito a un’offerta ostile da parte della famiglia bavarese. L’ingresso di Schaeffler, azienda familiare attiva nel settore dei componenti per auto, è agevolato dal crollo in Borsa del titolo Continental, che negli ultimi 12 mesi ha perso circa la metà del suo valore. Nel 2007 il gruppo Schaeffler ha registrato un fatturato di 8,9 miliardi, contro i 26,4 miliardi cui Continental punta quest’anno. E secondo il giornale specializzato Automobilwoche, da un’eventuale fusione nascerebbe il terzo fornitore automobilistico al mondo.
Ma il potente sindacato tedesco Ig Metall ha annunciato il suo no all’operazione. «Impediremo con ogni mezzo che un’azienda assolutamente non trasparente possa rilevare Continental e spezzettarla», ha detto Hartmut Meine, esponente di Ig Metall e membro del consiglio di sorveglianza di Continental.