Ma continua a litigare con la moglie per una villa

Quei due continuano a litigare. L’hanno già chiamato il divorzio del secolo, ma tanto i giornali lo dicono per tutte le guerre dei roses che scoppiano nelle coppie celebri e quindi non fa testo. Certo che, sulla stampa di mezzo mondo, il divorzio tra Paul McCartney e Heather Mills ha occupato molto più spazio del loro matrimonio da un milione e mezzo di euro nel giugno del 2002. Allora Macca disse: «Grazie all’amore sono di nuovo un beatle». Oggi è un po’ meno entusiasta, visti i (sembra) 36 milioni di sterline che dovrà versare alla sua ex e tutti gli annessi e connessi che di solito seguono le separazioni. Tra questi, proprio nelle ultime ore, ce n’è uno che fa allibire gli amici: marito e moglie litigano con violenza inconsueta sulla proprietà della villa di Heather Road a Beverly Hills, che McCartney regalò alla Mills nel 2001 in segno di eterno amore. Ora che si separano, lei la vuole tenere – i regali son regali – ma lui non ci pensa nemmeno. Oddio, non che si tratti di materia fondamentale visti i 790 milioni di sterline del patrimonio dell’ex Beatles. Però – dicono gli amici – McCartney ha un legame particolare con quella villa e i motivi sono misteriosi. Ma forse tutto dipende dalla morte di George Harrison, che avrebbe trascorso proprio lì le sue ultime ore nel novembre del 2001, avendo affianco sua moglie Olivia e alcuni Hari Krishna. McCartney aveva invitato il suo ex compagno proprio pochi giorni prima e lui, con quella tacita intesa degli amici più veri, aveva scelto di morire nella casa dell’uomo che aveva diviso con lui i giorni della gloria. Se fosse vero (si dice che il certificato di morte di Harrison riporti un indirizzo falso), ecco perché sir Paul non ha nessuna intenzione di dare alla sua ex una villa così importante (e non solo perché vale sei miseri milioni di sterline).