Un conto da 200 milioni per Bassolino

Il deficit sanitario della Campania è un conto astronomico che preoccupa non poco la Regione guidata dal governatore Antonio Bassolino (nella foto). Ma ora il presidente ci ha messo un carico aggiuntivo: l’onere per rimediare ai ritardati pagamenti dei fornitori da parte delle Asl campane. Ovvero spese legali e interessi di mora. Una botta da 200 milioni di euro, come riferisce anche Italia oggi che Bassolino tenta di liquidare con una delibera che mostra disposizioni urgenti per questo capitolo di spesa. O meglio di ripianamento. Il provvedimento indica ai direttori generali gli obiettivi specifici da raggiungere come quello di «registrare le fatture passive» oppure «assicurare il pagamento tempestivo delle fatture di piccoli importi» in modo da evitare le spese legali di recupero crediti.