Conto alla rovescia per le opere della discordia

Salvo sorprese, cominceranno il 14 giugno i lavori per l’isola ambientale sui Navigli. Il progetto, presentato ieri dall’assessore ai Trasporti Giorgio Goggi e attaccato duramente dal vicepresidente vicario di An Ignazio La Russa, porterà, entro la prossima estate alla pedonalizzazione delle due Alzaie. Saranno sempre pedonali, e non solo in estate, i tratti dell’Alzaia Naviglio Grande da via Valenza a via Casale e da via Corsico alla Darsena, ma viene anche istituita una zona a traffico limitato (Ztl), cioè ad accesso autorizzato solo ai residenti, da via Corsico verso il Naviglio Grande e via Casale. Anche Ripa di Porta Ticinese diventerà ztl, ad eccezione del tratto tra via Paoli e Fumagalli. Ultima zona a traffico limitato, l’Alzaia Naviglio Pavese, tra viale Gorizia e via Darwin. Per prevenire incidenti saranno inoltre collocate 4 telecamere per i passaggi col rosso sulla circonvallazione della 90/91 agli incroci Tibaldi/Bazzi, Tibaldi/Meda, piazza Belfanti, Cassala/Schievano e una per l’eccesso di velocità in via D’Annunzio. La prima fase di riqualificazione dei Navigli si concluderà nel marzo 2006, quando entrerà in vigore anche la sosta regolamentata. Già da settembre comincerà la tracciatura delle strisce gialle (2.200 in tutto) e blu (640).
Nel mese di luglio dovrebbero partire invece i lavori per il parcheggio della Darsena, visto che nei giorni scorsi il Comune ha ricevuto in consegna l’area all’ex scalo ferroviario di Porta Genova dove sarà trasferito il mercato di Sinigallia per l’intera durata dei lavori. «L’avvio delle opere non intralcerà l’isola dell’estate - precisa l’assessore Goggi -, che partirà il 15 giugno dalle 20 alle due di notte fino a settembre». E precisa che «i parcheggi sotterranei previsti in zona, a partire dalla Darsena, ad Arcole a Conchetta, una volta entrati in funzione assorbiranno gradualmente la domanda di sosta soddisfatta finora dalle aree di superficie. Progressivamente spariranno gli spazi di sosta a pagamento sulla strada».