Contrari Le procure scrivono a Napolitano

I nove procuratori delle province siciliane, lanciano quello che definiscono «un grido di dolore», in un appello al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per una giustizia veramente celere ed efficace. L’appello viene condiviso e firmato dai capi degli uffici inquirenti di altri diciassette procure che hanno accettato l’iniziativa del procuratore di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), Salvatore De Luca. I 26 procuratori della Repubblica chiedono al Capo dello Stato (presidente del Csm), un intervento per avere strumenti che consentano di dare una risposta alla «sempre più forte richiesta dei cittadini del pieno rispetto dei diritti civili».