Contravvenzioni via mail, l’ultima truffa

«Anche il comune di Milano lancia l’allarme sull’ultima novità in tema di truffe telematiche: una mail per notificare sanzioni applicate per infrazioni al codice stradale. Gli articoli contestati sono quelli classici, ovvero: eccesso di velocità o passaggio con semaforo rosso». È quanto si legge in un comunicato dell’associazione Codici. «Già la settimana scorsa avevamo lanciato l’allarme riguardante la novità in tema di truffe telematiche, ovvero la notifica tramite mail delle contravvenzioni al Codice della Strada. È assolutamente falso - dichiara Alberto Palazzo, coordinatore regionale dell’associazione - che un’amministrazione pubblica invii via mail una richiesta di questo tipo, e ora anche il Comune di Milano si è mosso per denunciare quanto accaduto. Ad un analisi approfondita della mail si nota come l’invito a visionare gli atti contenuti nell’allegato; un invito che incuriosisce. All’interno dell’allegato vi è un programma Troyan che permette ai truffatori di impossessarsi di dati sensibili riferiti al mal capitato. Questo è un vero e proprio furto». «Codici - si legge - ha denunciato quanto segnalato dai propri associati alla polizia postale e invita tutti i cittadini a prestar molta attenzione a questi messaggi e diffidare da qualsiasi richiesta fatta tramite mail. Il 99 per cento delle volte si è davanti a un tentativo di truffa vero e proprio»