Contro la crisi moda a basso costo e gioielli in pizzo d’acciaio e legno

Conto alla rovescia venerdì a via del Corso per l’apertura del megastore H&M, con una piccola folla di fans che premeva all’entrata, prima del taglio del nastro augurale. Dopo Firenze, il marchio svedese di abbigliamento trendy a basso costo sbarca nel centro della capitale, dove ha 4 punti vendita periferici in grandi centri commerciali. Il negozio di 500 metri quadri, su 4 piani, è dedicato alle collezioni donna, dagli abiti agli accessori e ai prodotti di bellezza.
L’effetto crisi si combatte anche così, chiamando gli italiani all’acquisto di prodotti cheap, ma nel mondo del lusso non si abbassa la guardia e in prossimità delle Feste si molti plicano le iniziative. Come quella di Lucia Odescalchi, nobile designer di gioielli che ha organizzato una mostra intitolata Jewels and swords, Gioielli e Spade. Nell’antica sala di scherma affrescata di Palazzo Odescalchi a piazza Santi Apostoli, aperta per l’occasione, sono stati esposti per 2 giorni, fino a ieri, le creazioni del marchio. E c’è stata anche una performance di giovani schermitrici, tra immagini proiettate delle campionesse italiane. I gioielli della Odescalchi, presentati il week end scorso anche alla Fiera Kira di Parigi, sono per donne determinate ed eleganti, capaci di osare con oggetti sperimentali ma dalle radici antiche: catene d’acciaio con agate cristallizzate dal cuore spruzzato di oro; antiche spille vittoriane al centro delle collane; fluttuanti orecchini in diamanti neri con lavorazione fine ’700 dell’acciaio; alti bracciali liberty di legno con scarabei incastonati nel bronzo e nastri in pizzo d’acciaio da avvolgere alle braccia.
Punta invece sui preziosi indiani Giuseppe Petochi che ha organizzato nella boutique di via Margutta una bella mostra sul fascino di questi gioielli, con conferenza multimediale della gemmologa Alessandra Del Cadia per spiegare la storia di questi oggetti, il loro significato simbolico e il modo di indossarli già nell’antichità.
L’anello da viaggio in oro bianco e diamanti, con le foto nascoste in una microfisarmonica interna, è l’ultima novità della maison Tìah, presentata nello store di via Tomacelli, in occasione del brindisi augurale della mostra di orologi vintage della collezione privata di Roberto Caso.