Contro i soldi pubblici per l’editoria tranne che per le loro pubblicazioni

Non solo finanziamenti per i progetti. Nelle tasche delle associazioni dei consumatori i soldi entrano anche attraverso la porta delle sovvenzioni all’editoria. Infatti la legge del 30 luglio 1998, prevede un contributo annuale destinato alle associazioni dei consumatori - solo a quelle iscritte al Cncu e presenti nell’apposito elenco delle associazioni dei consumatori e degli utenti rappresentative a livello nazionale - che pubblichino periodici attinenti l’attività statuaria. I soldi erogati ogni anno vengono pubblicati sul sito della presidenza del Consiglio dei ministri, anche se al momento l’ultimo anno disponibile è il 2004, anno in cui il Movimento difesa del cittadino ha percepito poco più di 60mila euro, l’Associazione per la difesa e l’orientamento dei consumatori 22mila e mezzo, il Codacons quasi 40mila, Adusbef quasi 22mila, il Centro tutela consumatori utenti poco meno di 64mila, il Movimento consumatori 24.771 euro, Federconsumatori poco più di 34mila e Cittadinanzattiva quasi 30mila. Decisamente più sostanziosi i contributi erogati a Adiconsum, 75.109 e Unione nazionale consumatori 125.431. Il Movimento difesa del cittadino si ferma infine a 60mila euro. Il tutto per quasi mezzo milione (496.459) di euro. Buona lettura.